Archivi categoria: prefazione

“Rosa del battito” di Donatella Nardin (Fara Editore, 2020)

Segnaliamo all’attenzione dei lettori del blog la nuova pubblicazione della poeta Donatella Nardin dal titolo “Rosa del battito”, di recentissima pubblicazione per i tipi di Fara Editore.

Immagine tratta dal sito dell’editore
http://www.faraeditore.it/vademecum/38-RosaNardin.html

Il libro è introdotto da una prefazione scritta dal prof. Riccardo Deiana e da una nota introduttiva alla lettura di Fabrizio Bregoli, di cui riportiamo alcuni stralci:

“Buttate pure via / ogni opera in versi o in prosa. / Nessuno è mai riuscito a dire / cos’è, nella sua essenza, una rosa.” (“Concessione”, da “Res amissa” in “L’Opera in versi”, Mondadori – 1998): così dice Giorgio Caproni in una sua poesia, affermazione che anche Donatella Nardin crediamo possa sottoscrivere, come emerge dalla poesia in chiusura a questa raccolta, che a questa raccolta dà anche il titolo, dove sono riscontrabili significative corrispondenze con il testo di Caproni: “altro non resta se non l’amore, / rosa del battito // per l’enigma che siamo”. Poesia e mistero si interrogano nella poesia della Nardin, perché è “il non detto” il centro nevralgico della poesia, soltanto questo sa offrire “da solo il suo senso profondo”. […]

È poesia della perdita quella che Donatella Nardin ci offre, nella forma di un dialogo prima di tutto con sé stessa perché possa diventare tramite verso l’altro, tentare un ricongiungimento con quanto abbiamo perduto, con chi abbiamo lasciato, restituirci alla dimensione della “comunione dei vivi e dei morti” (G. Raboni) nella rispettiva compresenza. […]

Eppure questa poesia anela alla ricerca del “centro esatto di luce”, quello dove “da una luce d’altrove” si possa ricreare una “fraternità creaturale / luce che tutti ci smisura”, di “cuori che battono all’unisono / nel petto di un respiro universale”.

Vincere la perdita, dunque; curare la ferita. Dal punto di vista stilistico e formale il linguaggio della Nardin è diretto, improntato alla comunicazione con il lettore, argomentativo; le figure retoriche sono estremamente controllate, le metafore parche; l’indiscutibile matrice lirica di fondo viene compensata dalla concretezza della dizione, coerente con la missione che questa poesia si è data: “sanguinare leggera” per rendere “meno crudo il mancare”. […]

Concludendo, Donatella Nardin ci offre la sua poesia come zona franca, disarmata e disarmante nella sua semplicità schietta, senza inutili camuffamenti, con una voce poetica mai ammiccante, ma fedele solo alla sua necessità di esprimersi, umile nel porgersi all’altro nell’”alba chiara” che ci vede “amici, amanti, fratelli” e, ancora prima, uomini, quell’altro con il quale si condivide “l’enigma che siamo”, così bene espresso nei suoi versi.

Per approfondimenti si rimanda alla scheda del libro sul sito dell’editore:

http://www.faraeditore.it/vademecum/38-RosaNardin.html

Lascia un commento

Archiviato in Donatella Nardin, Fabrizio Bregoli, Fara Editore, Poesia, poetry, prefazione, Uncategorized

Notizie da Patmos

Disponibile dal 30/11 per i tipi de “La Vita Felice”.

Dalla prefazione di Piero Marelli:

” Certamente, un lettore solo scolasticamente educato alla poesia, potrà sentire un poco ostico questo linguaggio – vedi il capitolo (Digressione quantistica) – che si è, in qualche modo, spostato da tutta una tradizione lirica, ma si rassicuri: c’è tutta una parte della ricerca poetica contemporanea che ha chiesto alle parole della scienza una possibilità di rinnovamento della poesia stessa. Non è solo una ragione di novità, bensì la coscienza di un esaurimento storico (come ha detto una volta Edoardo Sanguineti) del lessico della poesia e anche dei temi della stessa. “

[…]

” Sette capitoli, più una coda finale (quasi una riflessione), per aprire i sette sigilli della propria esistenza […], che è quella di ognuno di noi, i sette ritorni di un incancellabile bisogno di decifrazione attraverso la poesia.”

[…]

Commenti disabilitati su Notizie da Patmos

Archiviato in Fabrizio Bregoli, La Vita Felice, Piero Marelli, Poesia, poetry, prefazione, Uncategorized

“Zero al quoto” su “Il giardino dei poeti”

Il sito “Il giardino dei poeti” ospita oggi una generosa selezione di testi da “Zero al quoto” (puntoacapo, 2018), con alcuni stralci dalla prefazione al libro a cura di Vincenzo Guarracino.
Ringraziamo la redazione per l’ospitalità e in maniera particolare Cristina Bove per la disponibilità, l’attenzione e la cortesia dimostrate.
Buona lettura!

il giardino dei poeti

Immagine Copertina

18882286_10213595908480199_1354800761452103887_n

Un pugno di segatura contro il nulla

(Dalla Prefazione a “Zero al quoto” – puntoacapo, 2018)

Untitolo,per i profani, quanto mai oscuro,Zero al quoto, espressione con cuiin gergomatematico s’intendeun’operazioneche ha come resto zeroe che trasferita dall’ambito suo proprio alludead una ricerca di senso che approdaallo zero, ossia al niente. Posta esponenzialmente a titolo dell’intera raccoltadi Fabrizio Bregolida un testo isolato ed eponimo della sua parte conclusiva, l’espressione si elegge a interpretante di tutto l’insieme(non a caso lo ritroviamo nell’ultimo testo, “ennesima potenza a base zero”)per definirel’approdo ad una consapevolezza, alla presa d’attoamara e insieme ironicadi una verità. In che consista tale verità a dirlo è proprio loZero: niente in assoluto,mancanzadiconsistenza evalore, privazione di essenzae legami, nella congiunzione significativatra l’arabosifr, “vuoto”, eilatininec-ente, “neppure una cosa”,ne-hilum, “neppure un filo”.

C’è molta poesia dall’‘800in poi, molta letteratura, ad autorizzare e suffragare la presenzadi questofantasma, il…

View original post 1.704 altre parole

Commenti disabilitati su “Zero al quoto” su “Il giardino dei poeti”

Archiviato in Cristina Bove, ilgiardinodeipoeti, Poesia, poetry, prefazione, Uncategorized, Zero al quoto

“Gallo Rosso” di Antonella Jacoli (Ladolfi, 2019)

Antonella Jacoli sceglie proprio l’archè eracliteo, questo logos vivo, come immaginario simbolico di riferimento – il gallo rosso del titolo di questo suo nuovo libro – rappresentato in primis come motore di rovina e distruzione (e insieme tuttavia palingenesi necessaria) a materializzazione di un ordine naturale sovvertito che trova nella guerra la sua forma più degenere e assurda. La poesia diventa allora l’arte di dominare questo fuoco, arginarlo nel confine – sempre precario, beninteso – della parola che è insieme denuncia e testimonianza, atto dovuto alla verità e quindi dialogo storico: non semplice recupero memoriale ma riscrittura di un tempo solo in apparenza passato e quindi cristallizzato nella sua immutabilità, ma in realtà materia concretissima e laboratorio vivo in cui trovare nuova accoglienza, come per i due protagonisti / autori (apocrifi, ma non per questo meno  autentici) di questi versi, Peter e Margot Beck, che cercano “la casa del loro senso”, come annota l’autrice. Indagare il vero storico (a voler recuperare il troppo spesso dimenticato dettame manzoniano) significa anche trasferire il proprio io in mani altre, così che il loro agire possa in realtà ridefinirlo, spogliarlo di ogni autoreferenzialità e farlo dunque riaffiorare scevro di ogni sovrastruttura, pronto a dire a chiare lettere che la cenere è la sola lealtà al fuoco, e così poter rappresentare più credibilmente il mondo.

[…]

La silloge procede per strappi, salti logici, accattivanti distonie. Infatti non viene seguito un coerente tracciato di tipo diacronico e neppure un punto di vista univoco, la visione anzi si sdoppia attraverso gli occhi dei due protagonisti che scrivono su piani paralleli – eppure incredibilmente intersecantisi – l’incrocio delle loro vite, alle quali assistono come da una prospettiva obliqua (o strabica?), alla ricerca di una comunanza di voce: “niente ha più senso / della tua voce viva”. Tuttavia il presente è camminamento in uno spazio allucinatorio (“da sonnambula ripeto il nome caro”), scabra litania (o balbettio isterico?) di oggetti (“le pelli di coniglio / i vestiti risvoltati / il dado per il brodo / i tessuti sintetici”) giustapposti nella loro contraddittorietà eppure dominati da un senso di oblio ineluttabile e d’insignificanza oppressiva, chiusi nel loro cerchio asfittico dal quale occorre estrarre un senso, liberare “parole deportate”, sapendo che “piove fin dentro le ossa”, perché “Stride ogni cosa / dopo la notte”. La parola ci chiede udienza, ambisce a una rinascita dalle sue ceneri:

Sradicati allineati corpi

fucilati prima delle labbra

tronchi e rami di guerra

fusi nell’ebano

a comporre il simulacro

di una strage marina

lo spoglio funebre

di un amore.

Dalla Prefazione alla silloge

Fabrizio Bregoli

Commenti disabilitati su “Gallo Rosso” di Antonella Jacoli (Ladolfi, 2019)

Archiviato in Antonella Jacoli, Ladolfi, Poesia, poetry, prefazione