Poesia a confronto: La neve

Quarantanovesimo appuntamento con la rubrica “Poesia a confronto” sul blog “Laboratori Poesia“. Il tema affrontato oggi è La neve con il confronto fra poesie di Orazio, Negri, Stevens, Zanzotto. Elemento caratteristico del nostro inverno e elemento dal valore fortemente simbolico che si associa soprattutto al suo colore e alla sua consistenza al tatto, la neveContinua a leggere “Poesia a confronto: La neve”

Buon anno!

“Indovinami, Indovino,tu che leggi nel destino:l’anno nuovo come sarà?Bello, brutto o metà e metà?” “Trovo stampato nei miei libroniche avrà di certo quattro stagioni,dodici mesi, ciascuno al suo posto,un Carnevale e un Ferragostoe il giorno dopo del lunedìsarà sempre un martedì. Di più per ora scritto non trovonel destino dell’anno nuovo:per il resto anche quest’annosaràContinua a leggere “Buon anno!”

I fondamentali: Orazio

I, 11 Tu ne quaesieris, scire nefas, quem mihi, quem tibi finem di dederint, Leuconoe, nec Babylonios temptaris numeros. Ut melius, quidquid erit, pati! Seu pluris hiemes seu tribuit Iuppiter ultimam, quae nunc oppositis debilitat pumicibus mare Tyrrhenum, sapias: vina liques et spatio brevi spem longam reseces. Dum loquimur, fugerit invida aetas: carpe diem, quam minimum credula postero. I, 11 Tu non chiedere – non è lecito sapere – quale sorte gli dèi diedero a me, quale a te, Leuconoe, e non scomodare i vaticini babilonesi. Quant’è meglio, qualunque cosa accada, accettarla! Che Giove ci riservi ancora molti inverni, o sia questoContinua a leggere “I fondamentali: Orazio”

Poesia a confronto: L’attimo fuggente

Dodicesimo appuntamento con la rubrica “Poesia a confronto” sul blog “Laboratori Poesia“. Il tema affrontato oggi è L’attimo fuggente, in onore del film omonimo, con il confronto fra poesie di Orazio, Herrick, Thoreu, Whitman. Il film “L’attimo fuggente” (titolo originale “Dead Poets Society”), uscito al botteghino in Italia nel 1989, resta sicuramente, nell’immaginario popolare, unoContinua a leggere “Poesia a confronto: L’attimo fuggente”