Poesia a confronto: La gelosia

Cinquantaseiesimo appuntamento con la rubrica “Poesia a confronto” sul blog “Laboratori Poesia“.

Il tema affrontato oggi è La Gelosia con il confronto fra poesie di Saffo, Catullo, Marino, Metastasio.

La gelosia è un sentimento che si insinua in modo molto subdolo nella nostra interiorità, la mina nel profondo, ci porta a dubitare e spesso a travisare la realtà, specialmente quando si associa all’amore perché porta a ritenere l’amato qualcosa di esclusivo, solo nostro: per certi versi è una faccia alternativa del nostro egocentrismo, uno specchio delle nostre fragilità e incertezze. Ma è anche evidenza del sentimento, sua testimonianza.

Di questo sentimento si occupa la poesia a partire dalle origini più antiche, come documentato dal frammento 21 di Saffo, ribattezzato e noto comunemente come “ode della gelosia”. L’ode è una raffigurazione efficace, plastica si direbbe, degli effetti fisici e corporei della gelosia che sfigurano la persona, alterano le percezioni sensoriali, la portano in una condizione di follia incontrollata e spossessamento prossimo all’idea stessa della morte. E tutto questo viene scatenato semplicemente dal sapere l’amata vicino a un altro mentre gli parla e gli sorride con dolcezza, in una (presunta) intesa amorosa.

Il carme di Catullo è un’evidente ripresa, o versione in latino come si usava al tempo, dell’ode in greco di Saffo. E tutta l’impostazione del carme, nelle prime tre strofe, è sostanzialmente simile, basandosi sulla descrizione delle alterazioni fisiche e corporee indotte dalla gelosia incontrollabile di Catullo verso chi siede vicino a Lesbia e le sorride, qui addirittura superiore agli dèi grazie a questo privilegio. La quarta strofa introduce la novità, in linea con lo spirito pragmatico della romanità: Catullo invita se stesso a rifuggire dall’otium, a non farsi travolgere dalla passione perdendo di vista le priorità della propria vita, perché questa strada può solo portare al fallimento, all’autolesionismo puro, senza senso. Insomma c’è un richiamo all’ordine come un preciso dettato etico.

[…]

CATULLO
 
LI.
 
Mi sembra identico agli dèi
anzi, se possibile, superiore agli dèi
chi, senza tregua, sedendoti di fronte
ti guarda e ti ascolta
 
mentre ridi dolcemente, e io misero
per questo, perdo i sensi: infatti, appena
ti guardo, Lesbia, non mi resta
voce in gola,
 
la lingua anzi si spezza, sotto pelle una tenue
fiamma si propaga, in un ronzio insistente
tintinnano le orecchie, gli occhi diventano
gemelli di un duplice buio.
 
L’ozio, Catullo, ti fa male.
Nell’ozio ti esalti e ti agiti invano:
l’ozio, prima di te, re e città
felici mandò in rovina.

Continua sul blog “Laboratori Poesia“:

https://www.laboratoripoesia.it/poesia-a-confronto-la-gelosia/

Tondo di Donna con tavolette cerate e stilo (cosiddetta “Saffo”)Museo Archeologico Nazionale di Napoli (inv. nr. 9084) – https://lij.wikipedia.org/wiki/Saffo#/media/Immaggine:Herkulaneischer_Meister_002b.jpg
(Foto di pubblico dominio)

L’appuntamento con “Poesia a confronto” è a martedì prossimo.

Per consultare l’elenco di tutte le uscite del martedì della rubrica Poesia a confronto accedere al link.

Pubblicato da Fabrizio Bregoli

Fabrizio Bregoli, nato nel bresciano, risiede da vent’anni in Brianza. Laureato con lode in Ingegneria Elettronica, lavora nel settore delle telecomunicazioni. Ha pubblicato le raccolte di poesia: “Cronache provvisorie (VJ, 2015), “Il senso della neve” (puntoacapo, 2016), “Zero al quoto” (puntoacapo, 2018), “Notizie da Patmos” (La Vita Felice, 2019). Ha inoltre realizzato per i tipi di Pulcinoelefante il libriccino d’arte “Grandi poeti” (2012) e per la collana Fiori di Torchio la plaquette “Onora il padre” (Serégn de la memoria, 2019). Sue opere sono incluse in “Lezioni di Poesia” (Arcipelago, 2015) a cura di Tomaso Kemeny e in “iPoet Lunario in Versi 2018” (Lietocolle, 2018), sulle riviste “Il Segnale”, “Atelier”, “Alla Bottega”, “Le voci della luna”, “Il Foglio Clandestino”, “Frequenze poetiche” e in numerose antologie e blog di poesia. È fra gli autori aderenti e censiti sul sito Italian Poetry, nato per la diffusione della poesia italiana nel mondo. Gli sono stati assegnati numerosi premi fra i quali: per la poesia inedita, i Premi “San Domenichino”, “Il Giardino di Babuk”, “Giovanni Descalzo”, “Dante d’Oro” dell’Università Bocconi di Milano, il “Premio della Stampa” al Città di Acqui Terme; per la poesia edita i Premi “Guido Gozzano”, “Rodolfo Valentino”, “Città di Umbertide” e il “Premio Letterario Internazionale Indipendente”. È stato inoltre finalista ai Premi Caput Gauri, Lorenzo Montano e Bologna in Lettere. Sulla sua poesia hanno scritto Tomaso Kemeny, Giuseppe Conte, Ivan Fedeli, Mauro Ferrari, Piero Marelli, Vincenzo Guarracino, Corrado Bagnoli, Sebastiano Aglieco, Paolo Gera, Sergio Gallo, Stefano Vitale, Eleonora Rimolo, Pierangela Rossi, Enea Roversi, e molti altri. Collabora come recensore con il sito “Larecherche.it”, con la pagina Facebook “Poeti Oggi” e fa parte della redazione di Laboratori Poesia per cui cura la rubrica “Poesia a confronto”.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.

<span>%d</span> blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: