Qualche appunto imperfetto sulla poesia di Arnold de Vos

Questa settimana la rubrica Poesia a confronto sul blog Laboratori Poesia viene sospesa per dedicare la giornata al ricordo del poeta Arnold de Vos, recentemente scomparso.

Notizie biografiche e pubblicazioni principali di Arnold de Vos sono consultabili su Wikipedia e su La luna e il drago

Poeta singolare e controcorrente, Arnold de Vos è l’esempio di una poesia senza compromessi, fedele solo a se stessa, potente e pura per forma e contenuti.

Scrivo su Laboratori Poesia:

” Cosa significasse la poesia per Arnold de Vos è molto chiaro proprio in un testo qui incluso:

La scrittura è ripiego: un piego
di carne, e diniego.

[…] Scrittura come necessità, pulsione irrinunciabile, ma senza alcun ruolo profetico o missione prescritta, piuttosto come “ripiego”, unica alternativa consentita a chi vuole davvero conoscere la vita e quindi, molto concretamente, “piego / di carne”, immersione consapevole in questa vita, senza avere timore di sporcarsi le mani, toccare il fondo, raggiungere quel punto di non ritorno che trasforma il “ripiego” in “diniego”, perché scrivere la vita è sempre un negarla, fossilizzarla sulla pagina, volerne lasciare una traccia che tende a dissolversi appena la si è scritta.

[…]

Foto tratta dal blog Laboratori Poesia: https://www.laboratoripoesia.it/arnold-de-vos-2/

La poesia di Arnold de Vos è allora una poesia della precisione, del disvelamento impudico, a costo di risultare scabroso, denuncia dello scandalo inevitabile di ogni vita:

FICO

Arrovescio il guanto della scrittura
sul tuo corpo
fico, facendo di ogni poesia
la foglia che non hai addosso.

Gergalità e linguaggio biblico (si veda il termine “fico” che associato a corpo o a foglia assume connotazioni agli antipodi) si fondono in quell’osmosi eretica dove solo la poesia può consentire la sovrapposizione, la conciliazione altrimenti blasfema. La poesia è allora guanto da rovesciare ma anche guanto di sfida, scardinamento di ipocrisie e conformismi, l’unica arma contro “la prosa della vita” contro cui occorre ribellarsi, contrastarne la “sistematica bugia”.

[…]

L’articolo può essere letto integralmente su Laboratori Poesia

Per altre letture da Arnold de Vos si possono consultare i siti:

Blog personale dell’autore

Frammenti Rivista

Samuele Editore

Il sasso nello stagno

Pubblicato da Fabrizio Bregoli

Fabrizio Bregoli, nato nella bassa bresciana, risiede da vent’anni in Brianza. Laureato con lode in Ingegneria Elettronica, lavora nel settore delle telecomunicazioni. Ha pubblicato alcuni percorsi poetici fra cui “Cronache Provvisorie” (VJ Edizioni, 2015 – Finalista al Premio Caproni) e “Il senso della neve” (puntoacapo, 2016 - Premio Rodolfo Valentino 2016 e Premio Biennale di Poesia Campagnola 2017, Premio della Critica al Dino Campana 2017, Finalista ai Premio Gozzano, Merini, Caput Gauri). Il suo ultimo lavoro è "Zero al quoto" (puntoacapo, 2018) con prefazione di Vincenzo Guarracino. Sue opere sono incluse in Lezioni di Poesia (Arcipelago Itaca, 2015) di Tomaso Kemeny e in numerose altre antologie. Con il poemetto ENIAC è inoltre incluso in iPoet Lunario in versi (Lietocolle, 2018). Ha inoltre realizzato per i tipi di Pulcinoelefante la plaquette “Grandi poeti” (2012). Partecipa a letture poetiche, dibattiti culturali e blog di poesia. Ha preso parte ad alcuni eventi di azione poetica mito-modernista e alcune sue poesie sono state esposte congiuntamente a opere pittoriche in eventi organizzati dall’associazione Civico32 a Bologna. Ha conseguito numerosi riconoscimenti per la poesia inedita, fra i quali gli sono stati assegnati i Premi San Domenichino, Marietta Baderna, Lino Molinario, Daniela Cairoli, Giovanni Descalzo, Luciano Nicolis, Piemonte Letteratura, Terre di Liguria, Il Giardino di Babuk, il Premio “Dante d’Oro” dell’Università Bocconi di Milano, il Premio della Stampa al Città di Acqui Terme. Sulla sua poesia hanno scritto Tomaso Kemeny, Giuseppe Conte, Vincenzo Guarracino, Mauro Ferrari, Ivan Fedeli, Sergio Gallo, Sebastiano Aglieco, Paolo Gera, Eleonora Rimolo, Gian Piero Stefanoni, Laura Caccia, Pierangela Rossi, Enea Roversi, Antonella Pierangeli.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: