Poesia a confronto: San Martino

Quarantunesimo appuntamento con la rubrica “Poesia a confronto” sul blog “Laboratori Poesia“.

Il tema affrontato oggi è San Martino, con il confronto fra poesie di Nievo, Carducci, Pascoli, Govoni, Betocchi.

L’undici Novembre si festeggia San Martino di Tours, celebre per l’episodio miracoloso del taglio del mantello: la giornata dedicata al santo si fa coincidere con la cosiddetta Estate di San Martino, legata a molte feste della cultura popolare contadina; si associa tradizionalmente alla maturazione del vino nuovo e alla scadenza annuale dei contratti di affitto e di mezzadria, con l’obbligo di trasloco dalle terre per tutti coloro che non ricevevano un rinnovo della concessione. Attorno a questa ricorrenza si sono scritte diverse poesie che sono legate fra di loro da debiti vari e reciproche influenze.

Consideriamo per prima la poesia del giovane Nievo, di gusto tipicamente tardo romantico, tutta giocata su un paesaggio di nebbie in cui il sole pare dare il proprio addio (“vale”) alla Terra, lasciando come congedo “il natio candor” delle cime “nevose”. Il paesaggio diventa un traslato dello stato d’animo del poeta, l’invito a credere ancora nella possibilità di risorgere e riacquistare “le pure / soavità d’amor”.

Si ispira proprio a questa poesia Carducci nel comporre la sua odicina anacreontica, affine alla poesia di Nievo anche per la struttura metrica. L’atmosfera di festa che presiede alla stagione del vino nuovo (“va l’aspro odor de i vini/ l’anime a rallegrar”, “Gira su’ ceppi accesi / lo spiedo scoppiettando”) sembra essere turbata da alcuni presagi funesti che rendono inquieto e problematico il quadro di insieme (“urla e biancheggia il mar” così espressionistico nella sua forma, e ancora “stormi d’uccelli neri, / com’esuli pensieri”). C’è quasi un impellente presagio di morte che grava sul ritmo apparentemente gioioso e incalzante della composizione e crea quel contrasto enigmatico che è parte del fascino di questa composizione.

[…]

IPPOLITO NIEVO

(Da “Canzoniere” (1855-56-57) – Milano, Redaelli. 1858)

SAN MARTINO

Già un vasto mar di nebbie
E d’ombra il pian sommerge,
Donde il pennon s’aderge
Di qualche fumaiuol.

L’ombra per colli e monti
Inerpicando sale;
Par che l’estremo vale
Mandi alla terra il sol,

E l’ultimo suo raggio
Perdendosi sublime
Sulle nevose cime
Cerca il natio candor.

Tal nel morire a un’alta
Speme sorgendo io pure,
Racquisterò le pure
Soavità d’amor!

GIOSUÈ CARDUCCI

(Da “Rime Nuove” – Zanichelli, 1887)

SAN MARTINO

La nebbia a gl’irti colli
piovigginando sale,
e sotto il maestrale
urla e biancheggia il mar;

ma per le vie del borgo
dal ribollir de’ tini
va l’aspro odor de i vini
l’anime a rallegrar.

Gira su’ ceppi accesi
lo spiedo scoppiettando:
sta il cacciator fischiando
su l’uscio a rimirar

tra le rossastre nubi
stormi d’uccelli neri,
com’esuli pensieri,
nel vespero migrar.

Continua sul blog “Laboratori Poesia“:

http://www.laboratoripoesia.it/poesia-a-confronto-san-martino/

El Greco – San Martino e il mendicante – Immagine di pubblico dominio tratta da https://it.wikipedia.org/wiki/Martino_di_Tours#/media/File:El_Greco_-_San_Mart%C3%ADn_y_el_mendigo.jpg

L’appuntamento con “Poesia a confronto” è a martedì prossimo.

Per consultare l’elenco di tutte le uscite del martedì della rubrica Poesia a confronto accedere al link.

Pubblicato da Fabrizio Bregoli

Fabrizio Bregoli, nato nella bassa bresciana, risiede da vent’anni in Brianza. Laureato con lode in Ingegneria Elettronica, lavora nel settore delle telecomunicazioni. Ha pubblicato alcuni percorsi poetici fra cui “Cronache Provvisorie” (VJ Edizioni, 2015 – Finalista al Premio Caproni) e “Il senso della neve” (puntoacapo, 2016 - Premio Rodolfo Valentino 2016 e Premio Biennale di Poesia Campagnola 2017, Premio della Critica al Dino Campana 2017, Finalista ai Premio Gozzano, Merini, Caput Gauri). Il suo ultimo lavoro è "Zero al quoto" (puntoacapo, 2018) con prefazione di Vincenzo Guarracino. Sue opere sono incluse in Lezioni di Poesia (Arcipelago Itaca, 2015) di Tomaso Kemeny e in numerose altre antologie. Con il poemetto ENIAC è inoltre incluso in iPoet Lunario in versi (Lietocolle, 2018). Ha inoltre realizzato per i tipi di Pulcinoelefante la plaquette “Grandi poeti” (2012). Partecipa a letture poetiche, dibattiti culturali e blog di poesia. Ha preso parte ad alcuni eventi di azione poetica mito-modernista e alcune sue poesie sono state esposte congiuntamente a opere pittoriche in eventi organizzati dall’associazione Civico32 a Bologna. Ha conseguito numerosi riconoscimenti per la poesia inedita, fra i quali gli sono stati assegnati i Premi San Domenichino, Marietta Baderna, Lino Molinario, Daniela Cairoli, Giovanni Descalzo, Luciano Nicolis, Piemonte Letteratura, Terre di Liguria, Il Giardino di Babuk, il Premio “Dante d’Oro” dell’Università Bocconi di Milano, il Premio della Stampa al Città di Acqui Terme. Sulla sua poesia hanno scritto Tomaso Kemeny, Giuseppe Conte, Vincenzo Guarracino, Mauro Ferrari, Ivan Fedeli, Sergio Gallo, Sebastiano Aglieco, Paolo Gera, Eleonora Rimolo, Gian Piero Stefanoni, Laura Caccia, Pierangela Rossi, Enea Roversi, Antonella Pierangeli.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: