In ricordo di Fabrizio Bianchi

Il ricordo di un caro amico, davvero straordinario.

perìgeion

di Nino Iacovella

La prima volta che incontrai Fabrizio fu all’Arci di Turro a Milano nel 2013, durante la presentazione dell’antologia “No job – Visione del Paese irreale”. Si alternavano i poeti a leggere i propri contributi all’opera collettiva e, a un certo punto, arrivò il turno del meno giovane di questi: un omino dai capelli e barba bianchi, abbigliato con un trench che, insieme al sigaro, da quel momento, avrei sempre riconosciuto come segni peculiari della presenza di Fabrizio.

Leggeva con voce affranta dell’esperienza di un uomo che, dinanzi a un funzionario di banca, vedeva revocata la sua linea di credito e tagliata la carta di pagamento sotto gli occhi dei cassieri e dei clienti che cinicamente assistevano incuriositi a quel pietoso spettacolo. Non so quanta proiezione autobiografica ci avesse messo Fabrizio nello scrivere quel testo. Nel tempo capii che non navigava nell’oro e probabilmente, con il senno di…

View original post 514 altre parole

Lascia un commento

Archiviato in Fabrizio Bianchi, Perigeion, Poesia, poetry, Uncategorized

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.