Fabrizio Bregoli, Concetto spaziale. Attesa

Ringrazio la redazione per avermi ospitato

Poesia Ultracontemporanea

(Lucio Fontana 1960)

La luce, quel confine da violare
e che ogni volta sa scivolare oltre
sprofondare nella sua bocca d’ombra.
È questa tela ad esserne la lama
farne dello scempio un varco, crosta
che si spezza tra le dita. Lo spazio
fu acqua dove intridersi
vena che s’offre al boia.
Lo stanai nella sua casamatta
al baratto di tutte le sue nascite.
Forse bastò solo schernirlo.
Fu come appoggiare l’orecchio
su una sistole del cosmo, impietrirvi
la pupilla. Per questo scelsi minima
l’arte, perfetta
la sottrazione.

(Da Zero al quoto, Puntoacapo Editore 2018)

View original post

Commenti disabilitati su Fabrizio Bregoli, Concetto spaziale. Attesa

Archiviato in Fabrizio Bregoli, letteratura, Poesia, zeroalquoto

I commenti sono chiusi.